Tuttofabrodo, il fast casual dining asiatico di Torino

da | Ago 3, 2023 | Food&Drink | 0 commenti

Negli ultimi anni, in Italia, la ristorazione ha subito una profonda evoluzione. Tra i ristoranti di alta cucina, le trattorie e i fast food, si è fatto spazio il Fast Casual Dining, una modalità di fare ristorazione che, se da un lato è capace di condensare i grandi numeri dei fast food, dall’altra non rinuncia alla qualità dei ristoranti di alta cucina. Tra i tanti esempi, ci sono Temakinho, Miscusi o Pescaria, tre format che hanno portato in alto prodotti diversi ma ben riconoscibili. A Torino, a pochi passi da Porta Nuova e dal Parco del Valentino, nel quartiere di San Salvario, un locale sta provando a ricalcare la stessa strada. È il caso di Tuttofabrodo, il progetto nato dalle esperienze, dai sogni e dai viaggi di Elisa Neri che, grazie al suo spirito imprenditoriale, ha portato nel capoluogo torinese un’idea che aveva in mente da anni. Il quartiere, San Salvario, è uno fra i più vivaci, multietnici e al passo con in tempi della città. Perfetto quindi per accogliere una cucina asiatica di qualità, stagionale e leggera, incentrata su alcuni dei piatti orientali più caratteristici. Come gli Xiaolongbao, i tipici ravioli cinesi dalle 19 pieghe ripieni di brodo e cotti al vapore nei cestini di bambù, o il Ramen, realizzato sia nella tradizionale versione Paitan con pollo allevato a terra a pochi km da Torino sia nella variante vegetariana con brodo vegetale e crema di sesamo. 

CHI È ELISA NERI, TESTA E CUORE DEL PROGETTO?

L’anima del progetto è Elisa Neri, una giovane torinese molto determinata. Ottenuta la laurea in Dietistica e la laurea magistrale in Scienze Gastronomiche all’UNISG di Pollenzo, Elisa inizia subito a lavorare nel marketing di multinazionali nel settore food. Qui, oltre a crescere professionalmente, matura l’idea di dedicarsi a un progetto personale con una sua unicità. Così, dopo aver collezionato una serie di importanti esperienze, in particolare in Cina, Giappone e nel Sud-est Asiatico, decide di realizzare il proprio sogno. Nel 2019, in seguito ad anni di ricerca, sperimentazione e dedizione, apre Tuttofabrodo. Un ristorante di cucina asiatica che unisce Oriente e Occidente. Se le ricette portano la sua firma, a realizzarle sono esperti cuochi provenienti direttamente dalle Filippine. Veri e propri sfoglini che, grazie alle loro abilità tecniche e alla loro manualità, riescono a modellare la pasta in modo preciso e autentico.

LE NOVITÀ DEL MENU ESTIVO

Oggi, a confermare l’attenzione di Tuttofabrodo, e in particolare di Elisa, nei confronti di temi contemporanei come la stagionalità, è stata messa a punto la Bao Selection: un’offerta fresca e leggera di cinque ricette, salate e dolci, perfette per la stagione più calda dell’anno. Tra le prime ci sono i Gua bao, panini orientali semi-aperti simili ai tacos, che accolgono un ripieno di tartare di salmone marinato allo yuzu e maionese al wasabi o di salsiccia di Bra e salsa allo zafferano. Le seconde sono invece rappresentate dai Baozi, piccoli panini farciti con crema pasticcera allo yuzu, realizzata con un pregiato succo puro dell’agrume orientale, e con fagioli azuki, cioccolato fondente e granella di nocciole. Le nuove proposte sono apprezzate tanto per il gusto quanto per l’aspetto nutrizionale degli ingredienti utilizzati. I panini vengono cotti al vapore e non necessitano di particolari condimenti, mentre la salsiccia di Bra, per fare un esempio di ripieno, viene servita cruda. In linea con l’idea di freschezza alla base del menu. Ma non finisce qui. Per rimanere fedele a una proposta in tutto e per tutto attenta alla salubrità, Tuttofabrodo serve in abbinamento ai piatti anche tre versioni fredde di tè e tisane Dammann Frères. Il Miss Dammann è un tè verde fresco e vivace, con zenzero, limone e frutto della passione, il Thè Vert au Jasmin è un tè verde con fiori di gelsomino, dai sentori delicati, floreali e vegetali, e il Carcadet Nuit d’Été è una tisana all’ibisco, con mela essiccata, bucce di rosa aromatizzata con lampone, fragola e crema, dolce e fruttato. 

Con la sua proposta tradizionale e allo stesso tempo innovativa, che si inserisce perfettamente in una dieta sana ed equilibrata, anche di uno sportivo, Tuttofabrodo dimostra di essere al passo con i tempi. Anche per la scelta di una modalità di ristorazione, il fast casual dining, che sta riscuotendo sempre più successo. E che, in questo caso, potrebbe non fermarsi con il locale di San Salvario.

Altri articoli che potrebbero interessarti

Enrico Marmo protagonista a Bangkok

Enrico Marmo protagonista a Bangkok

Dal 19 al 23 settembre, lo chef Enrico Marmo, del ristorante 1 Stella Michelin Balzi Rossi di Ventimiglia (IM), sarà in Thailandia per partecipare alla 23° edizione del World Gourmet Festival Bangkok. La kermesse, che si terrà...

Il tè si beve anche nei cocktail

Il tè si beve anche nei cocktail

Sono lontani i tempi in cui il consumo del tè era relegato alla mattina o al pomeriggio, come per gli inglesi. Adesso, la bevanda ottenuta dall’infusione delle foglie di Camelia sinensis si beve in tutto l’arco della giornata. Da un’analisi Clipper su un campione...

Viaggio nel lusso autentico: The Begin Hotels lancia la campagna “Undress” dalle Grandi Stazioni

Viaggio nel lusso autentico: The Begin Hotels lancia la campagna “Undress” dalle Grandi Stazioni

La collezione di boutique hotel, The Begin Hotels, ha inaugurato la sua nuova campagna di comunicazione, “Undress”, partendo dalle Grandi Stazioni Italiane di Roma Termini e Milano Centrale. La collezione, che oggi conta sette strutture distribuite da Nord a Sud Italia, mira a promuovere il lusso dell’essenziale e la bellezza autentica dei territori meno conosciuti del nostro paese.

Identity Style