VALERIA MANGANI: dall’Expo dei Fori Imperiali al CDA di Corneliani

da | Giu 14, 2024 | Eventi&Cultura | 0 commenti

Il gotha dell’imprenditoria e delle istituzioni nazionali ed europee si stringono attorno alla pioniera della sostenibilità, appena eletta anche nel CDA di Corneliani.

“Ringrazio il socio Invitalia per la nomina nel CdA di Corneliani SpA e rimango a disposizione del Governo italiano per il rilancio di una moda sempre più responsabile”.

Grande successo per Gli Stati Generali Europei sulla sostenibilità 2024 al Phygital Sustainability Expo®, svoltosi a Roma pochi giorni fa, in occasione della giornata internazionale dell’ambiente, nel suggestivo e spettacolare complesso archeologico dei Mercati di Traiano 113 AD – Museo dei Fori Imperiali, voluto, ideato e diretto da Valeria Mangani, fresca di nomina nel Cda di Corneliani SpA, storico brand mantovano di abbigliamento maschile.

Expo – alla sua quinta edizione – è il primo evento esclusivamente dedicato alla transizione ecologica del sistema moda e design attraverso l’innovazione tecnologica. Il format è stato eletto da Harper’s Bazaar come l’evento italiano per antonomasia di rilevanza mondiale per il settore di riferimento, «dove il fashion incontra tecnologia, scienza e innovazione».

Moderatori: Nathania Zevi, Giulia Piscina, Myrta Merlino, David Parenzo, Lavinia Spingardi,  diretta streaming di Rainews e Today, circa 100 relatori da 17 Paesi diversi, 10 mila i visitatori in presenza, 70 milioni di contatti certificati (persone raggiunte nel post evento tramite content influencer ed imprenditori della moda e del life-style, come ad esempio Khaby Lame). Hannocalcato inoltre il palco naturale dei Fori alti esponenti delle istituzioni del Comune della Capitale, della Regione Lazio, del Governo italiano e del Parlamento Europeo, ma ancheoperatori e media internazionali invitati da ITA, oltreché 125 aziende, tra le quali Gucci, Dolce & Gabbana,Kering, Lamborghini, Bottega Veneta, Salvatore Ferragamo, Elisabetta Franchi, Borbonese, Tom Ford, etc. etc.

“Il settore della moda è in un cambio epocale, più di molti altri. Mai come in questo momento quindi, tutti i players coinvolti nella filiera del Made in Italy deve fare sistema; dall’artigiano al legislatore”.

Ed inoltre…

  • Premio Made in Italy Sostenibile: cinque eccellenze del Made in Italy sostenibile premiate dal ministro del MIMIT Adolfo Urso, a termine del panel dedicato al DDL sul made in Italy.
  • Sfilata Narrata®, in cui sono stati presentati gli aspetti di sostenibilità e il carbon footprint di ogni outfit; on stage il 4 giugno alle 20.30, e in contemporanea Sfilata Narrata® nel Metaverso: grazie a EY nell’universo parallelo gli stessi abiti sfilano su Spatial, raggiungibile tramite codice QR anche da coloro che non possono essere presenti  nell’iconica location.
  • Esposizione didattica ed educativa sulle terrazze dei Mercati di Traiano, a cura della FAO, per educare le scuole e i più giovani sull’importanza degli SDG-Sustainable Development Goals, il 4 e 5 giugno all day.
  • Laboratorio didattico con workshop gratuiti sugli antichi mestieri come il guantaio, dove artigiani insegnano al pubblico a realizzare un accessorio. A cura di UNIC-Concerie Italiane il 4 e 5 giugno intere giornate.
  • Percorso in realtà aumentata (AR): Grazie alla tecnologia di Hevolus Innovation, attività ludiche di gamification e A.R. informano il pubblico sul ciclo di vita di una t-shirt: dal campo di cotone alla discarica a fine uso; comparando il carbon footprint che il medesimo capo avrebbe per il pianeta applicando la circular economy. 4 e 5 giugno all day.

A chiusura – come sopra citato – in notturna, sotto le stelle di Roma è andata in scena la famosa “Sfilata Narrata®” nei fiabeschi scorci dell’antica location imperiale.

Sustainable Fashion Innovation Society è la più grande community europea di moda e design ecosostenibile, con oltre 2000 brand e aziende manifatturiere, di cui l’80%italiane. A guidare una realtà così importante è Valeria Mangani, Presidente dal 2019, con alle spalle una biografia imprenditoriale di ampio respiro internazionale. Già direttrice relazioni istituzionali della De Laurentis Company di Los Angeles, già Vice Presidente di AltaRoma e consulente di Automobili Lamborghini S.p.A, è attualmente anche Capo Delegazione di International Woman Alliance con sede a Ginevra presso le istituzioni delle Nazioni Unite e Ceo di MADE IN ITALY LUXURY 4.0, piattaforma per l’internazionalizzazione del lusso artigianale del made in Italy e per l’introduzione di PMI in mercati di nicchia high spender. Da aprile 2023 è Ufficiale dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana. Ora nel Cda di Corneliani, con sedi a Mantova e Milano.

La Mangani, pioniera da anni nel comparto della transizione ecologica, che l’ha vista protagonista anche del primo tavolo nazionale “From Crop to Shop” del cotone bio-da filiera 100% made in Italy al Ministero delle Imprese e del Made in Italy, con il Phygital Sustainability Expo® ha voluto mandare un messaggio chiaro a tutto il settore delle imprese impegnate nel complesso, ma fondamentale, fonte della sostenibilità planetaria: “Il Phygital Sustainability Expo® è l’evento esclusivamente dedicato alle aziende e ai manifatturieri del made in Italy che vogliono fare dell’innovazione sostenibile la loro bandiera. E’ un autorevole palco istituzionale dal quale venire ad annunciare le proprie anteprime mondiali al cospetto di Ministri e policy makers, che saranno gli artefici di questo cambiamento epocale che sta attraversando la moda. L’Italia ha da ormai cinque anni, un’importante manifestazione grazie all’impegno e all’attività della Sustainable Fashion Innovation Society”

Altri articoli che potrebbero interessarti

Enrico Marmo protagonista a Bangkok

Enrico Marmo protagonista a Bangkok

Dal 19 al 23 settembre, lo chef Enrico Marmo, del ristorante 1 Stella Michelin Balzi Rossi di Ventimiglia (IM), sarà in Thailandia per partecipare alla 23° edizione del World Gourmet Festival Bangkok. La kermesse, che si terrà...

Il tè si beve anche nei cocktail

Il tè si beve anche nei cocktail

Sono lontani i tempi in cui il consumo del tè era relegato alla mattina o al pomeriggio, come per gli inglesi. Adesso, la bevanda ottenuta dall’infusione delle foglie di Camelia sinensis si beve in tutto l’arco della giornata. Da un’analisi Clipper su un campione...

Identity Style