Il meglio dei Panettoni 2022: arte, salute e tradizione 

da | Dic 3, 2022 | Food&Drink | 0 commenti

Vi presentiamo alcuni degli artigiani che, grazie alle eccellenze delle nostre materie prime, fanno conoscere la tradizione dolciaria natalizia italiana.

Claudio Gatti e la nuova focaccia dolce alle erbe spontanee e fiori selvatici 

Claudio Gatti arricchisce questo Natale con una nuova proposta di focaccia che rispecchia la sua filosofia di naturalità e attenzione alla salute: la nuova variante è alle erbe spontanee e ai fiori selvatici. Solo aromi naturali, una forte attenzione per le proprietà curative delle botaniche scelte per un prodotto naturale che vuole nutrire la persona con ingredienti genuini. E per il Natale 2022 sono le erbe spontanee e i fiori che caratterizzano questa nuova variante della sua focaccia dolce, conferendole profumi e sapori delicati e naturali e dalle importanti proprietà curative, riprendendo per la ricetta antichi ricettari medioevali: sono ortica, malvamelissatarassacocicoriavalerianacamomillacardo mariano e betulla. A impreziosire questa focaccia sono la glassa alle ortiche che la ricopre e i semi di ortica al suo interno.

 

I panettoni di Bonfissuto: dalla street art al panettone senza lattosio all’olio di oliva. 

In occasione del Natale 2022, Bonfissuto, pasticceria artigianale siciliana di Canicattì, presenta le sue ultime due creazioni: il panettone all’olio di oliva e il panettone Street Art “Le tre Grazie”.

ll primo è un dolce da forno tradizionale, a lievitazione naturale, che racchiude tutto il gusto autentico della Sicilia: olio extravergine di oliva delle terre siciliane, limoni di Sicilia, ricoperto di semi vari, totalmente privo di lattosio.

Il secondo, la novità artistica della stagione, come fil rouge delle scorse edizioni, si connota per il packaging realizzato dallo Street Artist Mart Signed, artista impegnato nella lotta ambientale e nella politica internazionale. 

Le Tre Grazie rappresentano le figlie del dio Zeus e della ninfa Eurinome: Aglaia (splendente), Eufrosine (gioia e letizia) e Talia (portatrice di fiori). Erano considerate le dee della gioia, del fascino e della bellezza, che dispensavano, nelle grandi occasioni, felicità e amicizia tra dei e mortali.  

L’opera, una tecnica mista con spray, stencil e vernice su carta telata, avvolge un dolce da forno a lievitazione naturale con un impasto al gianduia, gocce di cioccolato fondente e crema allo zabaione e marsala.

 

I must di Daniele Lorenzetti per Natale: Panettone pere e cioccolato, Nadalin e Pandoro

Quest’anno, la nota pasticceria artigianale di San Giovanni Lupatoto, tra le più rinomate e tradizionali del veronese, propone tre dei suoi prodotti più apprezzati, parzialmente rivisitati: il Panettone pere e cioccolato, il Nadalin e il Pandoro classico con solo lievito naturale firmati dal Pasticcere dell’Accademia Maestri del Lievito Madre e del Panettone Italiano Daniele Lorenzetti.

Panettone pere e cioccolato

Realizzato con un impasto classico, questo panettone prevede al suo interno pere candite e gocce di cioccolato fondente. All’esterno, il panettone è ricoperto di una glassa di cioccolato bianco. Partendo dal lievito madre vivo, Daniele Lorenzetti produce il classico panettone milanese nel rispetto della tradizione. 

Il Nadalin: il padre del Pandoro

Il Nadalin è un dolce tipico del veronese, considerato il predecessore del pandoro. Secondo la tradizione, infatti, Melegatti si sarebbe ispirato proprio alla caratteristica forma a stella del Nadalin per realizzare il proprio pandoro ed è anche il primo dolce natalizio della città scaligera. Era il 1260 quando i Della Scala, signori di Verona, al primo Natale seguente al loro insediamento, diedero l’incarico ad un pasticcere locale di creare un dolce simbolo della grandezza della città di Verona. Tale fu il successo del Nadalin che divenne il dolce tipico del Natale. Un prodotto di nicchia e meno commerciale, più conosciuto dai veronesi doc (“de soca” come si dice nel dialetto locale) che lo preferiscono perché lo ritengono più legato alla città, essendo il primo e ormai divenuto un dolce nazionale e da esportazione. In principio era un dolce poco lievitato e non molto alto, quasi come una pagnotta dolce con canditi e pinoli, che al tempo per ammorbidirlo veniva intinto nel Vin Reciotto. Il Nadalin è di sicuro il padre del famosissimo Pandoro, con cui condivide la stessa forma di una stella ad otto punte, seppur meno delineata e precisa rispetto al dolce nato a fine Ottocento dalle mani di Domenico Melegatti. La versione di Daniele Lorenzetti è un prodotto molto soffice e non molto alto a forma di stella ad otto punte, arricchito di mandorle tostate e pinoli. Una vera prelibatezza da gustare non solo nelle festività ma tutto il tempo dell’anno accompagnato da una tazza di cioccolata calda oppure un sorso di un buon vino veronese.

Pandoro classico

Da 9 anni Daniele Lorenzetti realizza il proprio pandoro classico, per il quale ha deciso di eliminare il lievito di birra dall’impasto ed utilizzare il solo lievito naturale. Così, l’uso esclusivo del lievito naturale regala al prodotto finale una maggiore morbidezza.Il Pandoro è il tipico dolce veronese delle festività Natalizie, conosciuto in tutto il mondo. Creato a fine ‘800, deriva dal “pan de oro” che veniva servito sulle tavole dei ricchi veneziani. Riconoscibile da un inebriante profumo di burro di cacao, soffice ed equilibrato. Il Pandoro di Pasticceria Lorenzetti nasce da solo lievito naturale vivo e senza lievito di birra: questo dona una morbidezza superiore a quella dei pandori normalmente presenti sul mercato. Quasi 50 ore di lievitazione per un prodotto fuori dal comune.

 

Quattro nuovi panettoni per Pistì: l’azienda brontese si prepara al Natale

Pistì, il grande laboratorio artigianale brontese specializzato nella produzione di dolci tipici siciliani, si prepara a stupire gli affezionati consumatori presentando cinque nuovi panettoni in occasione del Natale 2022.

La gamma prodotti di Pistì conta attualmente 12 gustosi panettoni, realizzati, dal primo all’ultimo, attraverso l’impiego di ingredienti in grado di raccontare la millenaria storia dolciaria siciliana, come il pistacchio verde di Bronte Dop, la mandorla siciliana, le nocciole dei Nebrodi, il cioccolato di Modica IGP e tanti altri. L’impiego di materie prime eccellenti e una raffinata lavorazione artigianale rendono tutti i panettoni firmati Pistì un dolce regalo per i sensi di chi li prova.

Per questo Natale le novità riguardano 5 nuovi gusti di panettoni.

Il primo panettone porta come novità la ciliegia candita e una appetitosa glassa al cioccolato guarnita da Pistacchi Siciliani interi, specialità indiscussa del territorio brontese. Il secondo, è il Panettone con Ciliegia Candita e scaglie “Cioccolato di Modica IGP” ricoperto di “Cioccolato di Modica IGP” e scaglie di “Cioccolato di Modica IGP” Il terzo possiede un dolce cuore ai 3 cioccolati ed è farcito da gustose gocce di Cioccolato Extra Fondente, Cioccolato al Latte e Cioccolato Bianco. Il panettone è poi ricoperto da finissimo Cioccolato Bianco e guarnito da sfere di Cioccolato. Il quarto ha come novità la fragola candita e ricoperto da Cioccolato Extra Fondente 70% e da Pistacchi di Sicilia interi. Infine, la quinta novità riguarda il Panettone farcito di crema al Mandarino di Ciaculli ricoperto di Cioccolato Bianco.

 

Vincente Delicacies: Tre nuovi panettoni per il Natale 2022

In occasione del Natale, la pasticceria brontese Vincente Delicacies si prepara a conquistare i palati dei suoi affezionati consumatori con 3 nuovissimi panettoni: Cirasa, Vivace e Bouquet. Tutti i prodotti di Vincente vengono realizzati con materie prime artigianali selezionate con attenzione e professionalità. Proprio per questo, i suoi panettoni si presentano come un tripudio di gusti diversi, perfettamente complementari e in armonia tra loro.

Il panettone Cirasa, il cui nome in dialetto fa riferimento al suo ingrediente principale, ovvero la ciliegia, è farcito con ciliegia candita e scaglie di cioccolato di Modica IGP, una delle specialità tipiche della zona sudorientale della Trinacria. Il panettone è poi ricoperto interamente dallo stesso cioccolato che compone il suo dolce ripieno.

Vivace possiede un dolce cuore composto da tre cioccolati differenti: Cioccolato Extra Fondente 72%, Cioccolato al Latte 36% e cioccolato Bianco. Questo panettone è Inoltre ricoperto da finissimo Cioccolato Bianco e decorato con golose Sfere di Cioccolato.

Infine, Bouquet è un panettone alla fragola candita, ricoperto da Cioccolato ExtraFondente 72% e da pistacchi di Sicilia Interi, specialità indiscussa del territorio di Bronte.

I 3 nuovi arrivati arricchiranno la linea classica dei panettoni per il Natale.

Altri articoli che potrebbero interessarti

Enrico Marmo protagonista a Bangkok

Enrico Marmo protagonista a Bangkok

Dal 19 al 23 settembre, lo chef Enrico Marmo, del ristorante 1 Stella Michelin Balzi Rossi di Ventimiglia (IM), sarà in Thailandia per partecipare alla 23° edizione del World Gourmet Festival Bangkok. La kermesse, che si terrà...

Il tè si beve anche nei cocktail

Il tè si beve anche nei cocktail

Sono lontani i tempi in cui il consumo del tè era relegato alla mattina o al pomeriggio, come per gli inglesi. Adesso, la bevanda ottenuta dall’infusione delle foglie di Camelia sinensis si beve in tutto l’arco della giornata. Da un’analisi Clipper su un campione...

Viaggio nel lusso autentico: The Begin Hotels lancia la campagna “Undress” dalle Grandi Stazioni

Viaggio nel lusso autentico: The Begin Hotels lancia la campagna “Undress” dalle Grandi Stazioni

La collezione di boutique hotel, The Begin Hotels, ha inaugurato la sua nuova campagna di comunicazione, “Undress”, partendo dalle Grandi Stazioni Italiane di Roma Termini e Milano Centrale. La collezione, che oggi conta sette strutture distribuite da Nord a Sud Italia, mira a promuovere il lusso dell’essenziale e la bellezza autentica dei territori meno conosciuti del nostro paese.

Identity Style