Intervista a Yamai Tsunao

da | Mag 25, 2023 | Eventi&Cultura | 0 commenti

Nato a Yokohama, Giappone nel 1973, laurea in letteratura conseguita presso l’Università di Kokugakuin, Tsunao Yamai ha studiato con Nobutaka Kombaru (capo della 79a generazione della scuola Komparu), Yasuaki Komparu (capo della 80a generazione della scuola Komparu) e Noriko Tomiyama. Heishirou Umemura, artista della Komparu School of Noh, è il nonno di Yamai.

Ha iniziato la prima fase di Noh all’età di 5 anni e il primo ruolo principale di “Shite” all’età di 12 anni. Ha interpretato “Shite” (ruolo principale) in pezzi importanti, tra cui “Midare”, “Shakkyô”, “Mochizuki”, “Dōjōji, “Okina”, “Shozon” e “Ataka”.

Tsunao Yamai si dedica alla promozione del Noh e dei “cuori e delle menti giapponesi”, convinto che il Noh sia una delle più grandi forme d’arte del mondo. Presenta spesso spettacoli Noh, seminari e discorsi per principianti e si esibisce nelle scuole per ragazzi in Giappone. Si esibisce a livello internazionale e collabora con artisti diversi.

Il Noh è una forma d’arte e di intrattenimento giapponese in cui gli attori si esibiscono con maschere tradizionali, dichiarato patrimonio UNESCO nel 2003 insieme al Kabuki e al Bunraku ed è considerato una delle maggiori arti performative giapponesi.

Si tratta di un tipo d’intrattenimento colto e per comprendere fino in fondo le vicende messe in scena, serve una conoscenza profonda di letteratura e religione.

Completamente in contrasto con la scena spoglia e spartana, gli attori vestono sgargianti abiti e indossano pittoresche maschere.

La maschera ha una funzione mediatrice e può incarnare entità superiori: Il teatro Noh, col suo ordine di drammi consecutivi, ci propone una visione complessiva della vita. Al contrario del teatro occidentale, dove spesso ci troviamo di fronte a un problema specifico, nel Noh abbiamo una rappresentazione completa dell’esistenza umana.

In occasione della Mostra dello scultore giapponese Tayga ABE, e grazie all’impegno del Comune di Perugia e dell’Ambasciata del Giappone a Roma, si sono tenute nei giorni scorsi due rappresentazioni teatrali di Noh con l’attore Yamai Tsunao

Chi è Yamai Tsunao?

Sono un attore del teatro Noh, una scuola molto antica, un’arte che combina l’uso di maschere, cultura e danza, il cui valore più importante è la pregheria a Dio, è un rito religioso, spirituale.

La Komparu School Noh quando e da dove nasce?

La scuola è una delle più antiche, con 1400 anni di storia, è nel DNA del popolo giapponese, non è intrattenimento, è una preghiera, un rituale. Attraverso la performance si rivolge una preghiera a Dio per augurare pace e felicità agli esseri umani.

La sua performance si tiene in occasione della mostra dello scultore Tayga Abe alla Rocca Paolina di Perugia, qual è il messaggio principale che vuole trasmettere ?

La performance teatrale si chiama ‘Hagoromo’, è una preghiera a Dio, il mio messaggio è universale, è un messaggio di felicità e armonia per tutti.

Che ruolo può avere la cultura giapponese nel mondo oggi?

La cultura giapponese è antica, ma dal passato si crea il futuro, questo è il ruolo principale della cultura giapponese.

In quale modo può essere promossa la scuola giapponese?

Ci sarà una nuova rappresentazione ad ottobre, in Giappone, una rappresentazione del teatro Noh combinata con il teatro di Shakespaere e questa sarà sia una nuova sfida sia un rafforzamento della Komparu School che collabora con altre forme di arte e persone diverse.

Scritto da Marco Sutter

Direttore Responsabile Identity Style Editore da sempre e giornalista dal 1999 ha congiunto le due professioni ideando progetti editoriali e dirigendo diverse redazioni ricoprendo il ruolo di Direttore Responsabile e Direttore Editoriale di settimanali e mensili ad alta tiratura nazionale, portando in Italia diversi progetti editoriali quali Food and Travel e altre testate. Ad oggi dirige diverse testate giornalistiche, sia cartacee che digital, ed è il founder/publisher di diversi progetti editoriali ed imprenditoriali nei seguenti settori: food, wine, beverage, travel, hospitality, golf, fashion, luxury, e altri. Mail - marco.sutter@identitystyle.it

Altri articoli che potrebbero interessarti

Enrico Marmo protagonista a Bangkok

Enrico Marmo protagonista a Bangkok

Dal 19 al 23 settembre, lo chef Enrico Marmo, del ristorante 1 Stella Michelin Balzi Rossi di Ventimiglia (IM), sarà in Thailandia per partecipare alla 23° edizione del World Gourmet Festival Bangkok. La kermesse, che si terrà...

Il tè si beve anche nei cocktail

Il tè si beve anche nei cocktail

Sono lontani i tempi in cui il consumo del tè era relegato alla mattina o al pomeriggio, come per gli inglesi. Adesso, la bevanda ottenuta dall’infusione delle foglie di Camelia sinensis si beve in tutto l’arco della giornata. Da un’analisi Clipper su un campione...

Ron Santiago de Cuba™ Celebra il “Daiquiri Day” con la quarta edizione di Casa del Daiquiri

Ron Santiago de Cuba™ Celebra il “Daiquiri Day” con la quarta edizione di Casa del Daiquiri

In occasione del “Daiquiri Day”, che si celebra venerdì 19 luglio, Ron Santiago de Cuba™ ha lanciato la quarta edizione di Casa del Daiquiri. Questa iniziativa coinvolge una selezione dei migliori bar e barman a livello mondiale per offrire le loro versioni del celebre cocktail agli appassionati di rum e drink raffinati di tutto il mondo. L’elenco completo dei locali partecipanti è disponibile sul sito ufficiale di Ron Santiago de Cuba™.

Identity Style